Earth Overshoot day

Gli esseri umani utilizzano più risorse di quante la Terra possa fornirne vivendo, di fatto, al di sopra delle loro possibilità in termini ecologici.


L’Earth Overshoot Day è un’idea sviluppata dal Global Footprint Network e da un gruppo di esperti del new economics foundation del Regno Unito e definisce il momento dell’anno in cui iniziamo a vivere oltre le nostre possibilità e cioè il giorno nel quale si finisce di utilizzare quello che il pianeta produce e si comincia ad andare a credito consumando le risorse del futuro. Esaurire il credito ecologico annuale significa, di fatto, metterci nella condizione di prelevare risorse e di conseguenza accumulare anidride carbonica in atmosfera. Il trend delle stime fatte dal 1993 dicono che l’Earth Overshoot Day tende ad arrivare qualche giorno prima ogni anno infatti se nel 1993 l’Earth Overshoot Day è stato il 21 Ottobre siamo passati nel 2003 al 22 Settembre e l’anno scorso, il 2013, è stato il 20 agosto. Tutto ciò non ci da garanzie sul fatto che abbiamo ridotto i nostri consumi per via del fatto che l’Earth Overshoot Day è e rimane una stima, non una data certa e pertanto non è possibile determinare al cento per cento il giorno in cui supereremo il nostro budget ecologico e i vari adeguamenti della data di Overshoot sono dovuti alle revisioni del calcolo, non a cambiamenti di comportamento da parte dell’umanità.

Il Global Footprint Network ha stimato che oggi l’umanità usa l’equivalente di 1,3 pianeti ogni anno e le stime delle Nazioni Unite indicano che, se il presente trend della popolazione e del consumo continuasse, entro il 2050 avremo bisogno dell’equivalente di due pianeti per il nostro sostentamento (ma noi abbiamo a disposizione un solo pianeta). Il problema è che trasformiamo in rifiuti le risorse del nostro pianeta più velocemente di quanto queste possano essere ritrasformate in nuove risorse ponendoci di fatto nella situazione di sovrasfuttamento ambientale.

Se vi state chiedendo quanto state sfruttando il pianeta con il vostro stile di vita potete scoprirlo grazie ad una guida interattiva messa a disposizione dal Global Footprint Network.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.